Castellino vino bianco

Pubblicato: 25 maggio 2012 in Uncategorized

Capita che a volte le compagnie non te le cerchi, sono loro che vengono da te quando nemmeno ne hai voglia. Come in questo caso, per esempio. Una giornata di lavoro abbastanza pesante, rientrare a casa più tardi del solito e la cena da preparare. Ecco, sono quei momenti in cui vorresti staccare la testa, provare finalmente a rilassarti nonostante ci siano ancora mille cose da fare prima di andare a letto. Ci provi, cosa poco facile ma ci provi, nemmeno rispondi al telefono perché non tolleri altre rotture.
Finalmente, ecco che arriva quel senso di tranquillità, il tuo piccolo giardino zen. Mentre spadelli sei quasi convinto che nulla potrà invadere il tuo Paradiso. Quasi, appunto… Nel momento colu sui fornelli ti si attacca al campanello vicina di casa, tanto desiderata come una pustola sul sedere. Per forza le devi aprire e ti stampi un sorriso tipo “che cazzo vuoi? vederti è piacevole come incontrare la morte”, non glielo puoi dire ma speri che lo capisca.
Non la capisce, devo smetterla di avere così fiducia nell’intelletto del prossimo…
Bla, bla, bla… attacca a parlare con la sua scoordinata logorrea. Il mio giardino Zen è ormai a pezzi, si è trasformato in un campo pieno di graminacee con quell’odioso profumo di fiori, manco buoni ma da donnina dozzinale e banale.
Mentre mi chiedo perché sono qui comincio a pensare di aver fatto qualcosa di male.
Evidentemente sì. Come punizione divina continua e continua con il suo sproloquio. Vorrei essere rapita dagli alieni mentre le sue parole mi scivolano veloci dentro.
Ormai quasi anestetizzata ecco che arriva il colpo di genio! La scusa che la cena sta bruciando.
Riesco finalmente ad accomodarla fuori dalla porta. Il mio trionfo però viene minato da quel “ci vediamo dopo”.
Vabbè, non resta che cenare ed aspettare.
Puntuale come una raccomandata eccola che torna. Sarà che ho scaricato la tensione della giornata (o sarà che sono troppo stanca) questa volta riesco a tollerarla. Ok, non è proprio la compagnia che vorrei ma cerco di confortarmi dicendomi che c’è di peggio e che, volendo, di meglio ce l’ho come e quando voglio. Insomma, per apprezzare alcune cose bisogna conoscerne altre.

Annunci
commenti
  1. Laura ha detto:

    bentornata, finalmente!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...