Archivio per la categoria ‘eventi’

Aspettando EuVite

Pubblicato: 8 settembre 2011 in eventi
Tag:, , , , , ,

Cinque aziende, cinque diversi terroir.

Le aziende Librandi di Cirò Marina, Statti di Lamezia, Serracavallo di Cosenza-Valle del Crati, Malaspina di Melito Porto Salvo ed i Poderi Marini di San Demetrio Corone danno il via al progetto EUVITE.

EUVITE è un’associazione nata dalla consapevolezza che il patrimonio viti-vinicolo della Calabria non sia adeguatamente conosciuto.

L’amico Massimo Lanza già parlò di questa terra, in un articolo del Gambero Rosso del mese di Luglio, con riferimento alla provincia di Cosenza. Ma la Calabria è anche altro e queste cinque aziende, unendosi, vogliono dare voce a questa regione prefiggendosi di mettere in cantiere diversi incontri, con importanti esponenti della comunità scientifica, giornalistica e commerciale con lo scopo di divulgare il proprio patrimonio enologico.

La prima tappa di questo percorso si svolgerà il 17 settembre a Cirò Marina con il titolo “Vini, Vigne e Vignaioli calabresi” con il seguente programma:

la mattina sarà dedicata ad un tour guidato delle zone sotoriche della DOC Cirò insieme al comitato scientifico che  deciderà a quale vignaiolo conferire il “Premio al Viticoltore d’Eccellenza del Cirò”. Nel pomeriggio ci sarà una degustazione guidata dai produttori di EUVITE di 10 vini (5 bianchi e 5 rossi). A seguire il “Simposio sull’analisi sensoriale dell’uva e dei vini” e un banco di assaggio di tutti i vini delle aziende EUVITE gestito dai sommelier AIS. Concluderà la serata la cena di saluto a cura degli chef di ASSAPORI, il consorzio di qualità della ristorazione calabrese.

Ci vediamo a Cirò

Annunci

#grignolino1 – il menù

Pubblicato: 8 febbraio 2011 in eventi

Abbiamo già parlato di #grignolino1, del fatto che si svolgerà il 12 Marzo 2011 a Portacomaro (At) presso la Casa dell’ Artista in Via Dante dove, a partire dalle ore 10,30 avrà inizio la degustazione alla cieca dei Grignolino di Cascina Tavijn (Scurzolengo), F.lli Durando (Portacomaro),  La Casaccia (Cella Monte),  Cascina Brichetto (Fraz. Stazione Portacomaro),  Az. Agricola Goggiano (Refrancore), Cantina Luigi Spertino (Mombercelli), Az. Agricola Francesco Boschis (Dogliani), La Berchialla (Barbaresco) ed Azienda agricola Oreste Buzio (Vignale Monferrato).

Finita la degustazione e “scoperte le carte” la giornata proseguirà alla Locanda dell’Antico Ricetto, a 150 metri dal luogo della degustazione, dove pranzeremo.

Rullo di tamburi… eccovi in anteprima il menù

 

Battuta di Fassone Piemontese in olio e limone

Insalata Russa

Insalatina di Orata Merluzzo e Branzino in salsa di Bagna Calda agra

Agnolotti del Plin al burro e salvia

Tagliolini al ragù di carni miste

Guanciale di Vitello al Vino rosso con purea di sedano rapa

Torta Monferrina e Mousse al Torrone

Caffe

 

il pranzo sarà accompagnato da vini dei produttori tra cui cortese, barbera, ruché, dolcetto di dogliani e barbaresco.

La degustazione è gratuita, il pranzo costa 30 Euro.


Pane, colfòndo e fantasia non è un titolo a casaccio. In tre parole volevo sintetizzare quello che è stato più di un semplice evento, frutto della fantasia del giovane produttore dell’ azienda Bele Casel Luca Ferraro con la collaborazione di Davide Cocco di Studio Cru.

Quattro mesi di preparativi, otto produttori di prosecco presenti ed un totale di cinquanta partecipanti tra appassionati, blogger e giornalisti arrivati da varie zone di Italia e tutti riuniti il 30 Ottobre 2010 alla Locanda Baggio in quel di Asolo.

Colfòndo è stata un’ occasione per scoprire un prodotto che ha una storia alle spalle, per capire come i diversi territori esprimono le loro caratteristiche sul prodotto finale; un confronto fatto alla cieca rivelatosi molto interessante.

Conoscevo molto poco questo tipo di prosecco e in un giorno ho avuto la fortuna di poterne scoprire otto diversi tipi.

Durante la degustazione ho potuto apprezzare differenze, a volte lievi a volte dure. Colori, profumi, sapori… bello stimolare l’ immaginazione, cercare di capire, degustare in modo imparziale, guidati esclusivamente dalle emozioni. Sono stata colpita in modo particolare da due prosecchi, dalla loro evoluzione nel bicchiere, dalla differenza nel berlo “limpido” o “agitato”.

Si scoprono le carte, abbiamo degustato nell’ ordine: Gatti, Costadilà, Casa Coste Piane, Biondo Jeo, La Bassetta, Bele Casel, Frozza e Zanotto

Molto bella anche l’ idea di avere due produttori per tavolo, con i quali si è potuto discutere e fare domande.

Degna di nota anche la location dell’ evento, la Locanda Baggio, dove abbiamo pranzato molto bene.

Il fritto di paranza, baccalà mantecato con polenta soffiata e melograno, terrina di coniglio, risotto al pino mugo con filetti di faraona affumicata per finire con una fantastica oca di San Martino ripiena con pane all’ arancio. Ovviamente nei calici non poteva mancare il colfondo ma, sorpresa, ecco sbucare il metodo classico di Silvano Follador ed il Fortana, uno dei vini delle sabbie di Mirco Mariotti

Ma non finisce qui, il tutto è stato accompagnato da pane e grissini prodotti con il lievito estratto dal prosecco colfòndo, un’ idea di Daniela Delogu.

Pranzo finito, per molti è ora di rientrare a casa ma per chi resta Luca ha organizzato una simpatica gita per le vie di Asolo, a farci da cicerone Bojana di Bellasolo.

 

Insomma, per me #colfòndo1 è stata una bella esperienza, l’ occasione per  imparare qualcosa di nuovo e la dimostrazione che il web può essere una fonte importante di condivisione e di incontro.

Bravo Luca, continua così